Cantiere pontificio

 

archivio_opsm

L’operato del vescovo Francesco Monaldeschi, grazie alla sua abile politica diplomatica nei confronti della Curia Romana, ottiene subito l’assenso del pontefice.
Nicola IV, ad Orvieto a partire dal 1290, non solo concede, su richiesta del presule, l’acquisizione delle proprietà del capitolo occupanti l’area deputata alla costruzione del Duomo, ma ricompone la vertenza nata tra il vescovo e il capitolo circa la ricostruzione delle case dei canonici (da questi voluta prima della demolizione degli alloggi esistenti).

Oltre a stabilire con precisione l’ubicazione ed i tempi di edificazione della chiesa, il lodo arbitrale stipulato dal papa per mezzo del suo notaio e camerlengo Nicola di Trevi, fissa anche il modello della nuova cattedrale, che doveva essere a somiglianza di Santa Maria Maggiore di Roma (ad instar Sancte Marie Maioris de Urbe); con tale riferimento dovrà essere colto non il disegno architettonico, ma più semplicemente la titolazione della nuova chiesa.
L’influsso positivo della corte pontificia sull’Opera- cantiere si attua soprattutto in due direzioni: quello della committenza, che si realizza in un cosmopolitismo delle maestranze, e quello dei finanziamenti, linea questa seguita in particolare da Bonifacio VIII, che nel 1297 destina alla cattedrale una donazione di 1000 fiorini e alcune rendite ecclesiastiche sull’abbazia di Santa Maria in Silva, nel territorio di Orvieto.

In questa fase iniziale dei lavori l’attenzione dei pontefici non apporta nessuna modifica di tipo “strutturale” all’Opera, che continua a ruotare attorno alla figura del vescovo e del suo operarius.

“Meraviglie”, Alberto Angela alla scoperta del Duomo di Orvieto

“Meraviglie”, Alberto Angela alla scoperta del Duomo di Orvieto

Nuovo appuntamento con Meraviglie, la penisola dei tesori dopo il debutto della scorsa settimana seguito da 3.415mila telespettatori (share 17%) e oltre 79mila interazioni social. Martedì 4 gennaio su Rai 1 la seconda puntata della nuova edizione del programma di...

Nuovo step per “Orvieto del Grand Tour. Gli autografi del MODO”.

Nuovo step per “Orvieto del Grand Tour. Gli autografi del MODO”.

Si delinea oggi in un video trailer il progetto che nell'anno scolastico 2020/2021, non senza difficoltà, ha portato gli studenti delle classi V/A del Liceo Classico “F.A. Gualterio” e del Liceo delle Scienze Umane sulle tracce delle personalità illustri che hanno...